Passa ai contenuti principali

Sicilia on the road

Questa estate io e mio marito abbiamo optato per una vacanza nella nostra bella Italia, destinazione: Sicilia.


Abituati all’organizzazione fai da te (sia per risparmiare che per essere liberi di girare a nostro piacimento), ho iniziato a prenotare con qualche mese di anticipo per trovare le offerte migliori.
Ecco che quindi siamo partiti dalla ricerca del volo, scegliendo destinazione Catania che in quel momento era la più economica.
Da lì, a poche ore di auto potevamo prendere il traghetto per le splendide Eolie, e proseguire poi in un tour ad anello tra le bellezze della Sicilia che ci riportasse a Catania per il rientro.

Giorno 1. Arrivo a Catania

Il primo giorno lo abbiamo passato a Catania. Questa scelta si è rivelata ottimale, in quanto ci sono volute ben 3 ore solo per la consegna bagagli e il ritiro dell’auto a noleggio!
Catania ha un centro storico molto bello, ed è rappresentata da un elefantino, che in passato aveva popolato questa terra. Immancabile una sosta per gustare la classica granita siciliana, accompagnata dalla brioche.

Giorno 2. Taormina

Il secondo giorno ci siamo spostati nella bella Taormina, ricca di luoghi da visitare. Il Teatro Greco è sicuramente l’attrazione principale, situata nel centro storico.
La meravigliosa piazza IX Aprile, da cui godere il panorama.
Prendendo la funivia, in pochi minuti si arriva alla spiaggia di Mazzarò, e in particolare a quella di fronte all’Isola Bella, raggiungibile a piedi attraversando una lingua di terra che la collega alla terraferma. Da qui partono anche diverse escursioni in barca per visitare le grotte.

Giorno 3. Savoca e Milazzo

Savoca è la piccola città dove sono state girate diverse scene famose de “Il Padrino”. Immancabile una sosta al famoso “Bar Vitelli” per un pranzo veloce.
Vicino si trova anche la chiesa del Convento dei Cappuccini, che nella cripta conserva le salme mummificate di ricchi nobili del 1700-1800.
Da qui abbiamo proseguito per Milazzo, facendo una passeggiata sul lungomare e rilassandoci, in attesa di prendere il traghetto per le Eolie il giorno dopo.


Giorno 4. Lipari

Di buona mattina siamo partiti dal porto di Milazzo verso Lipari.
Oltre a questa isola, che è la più grande, è possibile raggiungere e visitare anche tutte le altre perle delle Eolie. Valuta tu in base al tempo che hai a disposizione che opzione preferisci.
Lipari è bellissima, e merita di essere girata nella sua interezza.
Appena approdati abbiamo noleggiato uno scooter, guidando in lungo e in largo per paesini, calette, stradine, alla scoperta di luoghi noti e meno noti, ma sempre affascinanti.

Giorno 5. Milazzo

Il quinto giorno siamo rimasti a Milazzo per visitare la Piscina di Venere. Una piccola caletta rocciosa a cui si arriva attraverso un sentiero abbastanza facile, ma abbastanza faticoso al rientro, in salita e sotto il sole. Portati da bere, perché non ci sono baretti, se non al parcheggio.
Da qui ci siamo poi spostati al lido di Tono, meno affollato, con spiaggia di sassolini e un mare splendido.


Giorno 6. Tindari e Cefalù

Lasciato Milazzo, la prima tappa è stata Tindari, famosa per il suo Santuario.
Lasciata la macchina all’ampio parcheggio, una navetta accompagna i turisti su per la collina, con 1 solo euro di biglietto andata e ritorno.
All’arrivo, l’ultimo tratto di strada che porta al Santuario è ravvivato da bancarelle di souvenir e dolciumi.
All’interno del Santuario è conservata la statua della Madonna Nera, scolpita in legno di cedro, mentre dalla piazzetta di fronte si può ammirare un bellissimo panorama sul mare, raggiungibile attraverso un sentiero.
Tornati all’auto, abbiamo proseguito alla volta di Cefalù, una bomboniera che lascia a bocca aperta.
Cefalù merita di essere girata a piedi con calma, attraverso le viuzze del centro storico che portano al Duomo. Alle sue spalle, su una rocca, si trova il Tempio di Diana.
Lasciati incantare anche dai sapori della cucina siciliana, gustando arancini e cannoli.

Giorno 7. Cefalù

Il settimo giorno il Creatore si riposò, e così anche noi. Questa giornata ci siamo riposati e abbronzati sulle spiagge di Cefalù.


Giorno 8. Agrigento

Dopo il riposo, una bella giornata di guida attraverso la parte interna della Sicilia, verso Agrigento. Lasciati ispirare dal tuo istinto, e guida attraverso strade immerse in un paesaggio di campagne a perdita d’occhio, con le piante e l’erba bruciate dal sole.
Una volta raggiunta Agrigento, dopo una pausa per una brioche col gelato, abbiamo visitato la famosissima Scala dei Turchi, una parete di roccia completamente bianca. Vederla al tramonto è stato molto romantico.
Nota: controllare su internet l’accessibilità al luogo prima della visita.


Giorno 9. Agrigento

Il giorno dopo ci siamo rilassati sulle spiagge incontaminate della Riserva Orientata di Torre Salsa. Mare, tranquillità e riposo fino a metà pomeriggio, quando siamo rientrati per visitare la Valle dei Templi al tramonto.
La Valle dei Templi è molto estesa, con dei templi perfettamente conservati, ricchi di fascino e mistero.


Giorno 10. Ragusa, Modica, Noto

Una giornata dedicata al Barocco.
Purtroppo a Ragusa ci siamo soffermati solo pochi minuti, causa maltempo.
Modica invece l’abbiamo visitata con più calma, passando per il Duomo di San Giorgio e facendo una tappa in un bar per acquistare barrette del famoso cioccolato di Modica, molto zuccheroso.
Prima di sera siamo giunti a Noto, altra perla barocca, piena di vita, in cui ogni anno a maggio viene organizzata “L’infiorata”: un’intera via ricoperta di petali di fiori che riproducono diversi disegni.


Giorno 11. Noto – Spiaggia Calamosche

Partendo da Noto, in pochi minuti si raggiunge la Riserva Orientata di Vendicari, la cui spiaggia più famosa è sicuramente quella di Calamosche, considerata una delle più belle d’Italia.

Giorno 12. Noto – Isola delle Correnti e Marzamemi

Sempre pernottando a Noto, in una ventina di minuti si raggiunge Porto Palo di Capo Passero e, poco più sotto, l’Isola delle Correnti. Il punto più a sud della Sicilia, dove Mar Ionio e Mar Mediterraneo si incontrano. Il luogo è indubbiamente affascinante.
Sulla strada del rientro, una sosta a Marzamemi, piccolo borgo marinaro, scelto come location per molti matrimoni. Un aperitivo o una cena in questo luogo magico è d’obbligo.


Giorno 13. Noto

In questo ultimo giorno a Noto, e avvicinandosi il termine della vacanza, decidiamo di affittare un gommone per l’intera giornata, e di navigare al largo della costa per avere un’altra prospettiva.

Giorno 14. Siracusa e Catania

È il momento di riavviarsi verso Catania. Una tappa a Siracusa è degna di nota, in particolare per visitare Ortigia.
Se invece preferisci goderti il mare fino all’ultimo, una pausa a Fontane Bianche non ti deluderà.
Una volta a Catania, abbiamo approfittato per una visita al Museo dello Sbarco di Sicilia (molto ben fatto) e per gustarci l’ultima vera granita siciliana della vacanza.



Giorno 15. Il rientro

Ultima abbondante colazione siciliana e poi via verso l’aeroporto, dove acquistare gli ultimi souvenir e dolcetti alla mandorla e pistacchio, prima del rientro.

Cosa ricorderai del tuo viaggio in Sicilia:
– le persone, sempre accoglienti e cordiali
– le granite, gli arancini, il pane cunzato, il gelato con la brioche, le mandorle e i pistacchi
– il mare cristallino, il sole, i panorami e le città d’arte, molte delle quali Patrimonio dell’Unesco 

Cosa non puoi perdere nel tuo viaggio in Sicilia:
– mangiare qualsiasi cosa
– andare almeno in una riserva naturale
– visitare Cefalù
 



Dove abbiamo pernottato:
Catania: 5 Balconi B&B
Taormina: B&B Casa la via del Mare
Milazzo: Eolian Milazzo Hotel
Cefalù: Baronetto B&B
Agrigento: Villa Luisa
Noto: B&B Casa Giunchiglia

Commenti

Post popolari in questo blog

Roma in 3 giorni

Roma è una città che va visitata almeno una volta nella vita .  La città più bella del mondo , per la ricchezza di patrimonio artistico e storico che contiene. Ogni angolo, ogni passo, regala qualcosa da vivere. Se hai poco tempo per visitarla, di seguito trovi  tre mini-tour da una giornata ognuno , in modo da riuscire a visitare più monumenti possibili in soli tre giorni. GIORNO 1 Il must per eccellenza , se hai un solo giorno a disposizione,  è sicuramente il Colosseo, simbolo indiscusso  della capitale italiana. Facilmente raggiungibile in metropolitana, appena fuori te lo ritroverai di fronte. Dall’uscita della metro, svoltando a destra, puoi poi percorrere  via dei Fori Imperiali  fermandoti per qualche fotografia dai balconi che affacciano su di loro. Percorri tutta la via fino ad arrivare a  Piazza Venezia . Qui ti aspetta il maestoso  Altare della Patria . Attraversa la piazza sulla destra e fermati a riposare nel piccolo parco di fronte alla  Colonna Traiana , in cui ammi

Kenya. Safari allo Tsavo, Watamu e Garoda

Natale 2015. Dopo il classico pranzo con la famiglia, io e mio marito ci rechiamo all’aeroporto di Malpensa pronti per la nostra  vacanza di Capodanno . Quest’anno abbiamo deciso di andare al caldo, e dopo aver tanto sentito parlare del “ mal d’Africa ”, abbiamo deciso di lasciarci contagiare anche noi, scegliendo come  destinazione  il  Kenya . Dopo circa 7 ore e mezza di volo,  atterriamo a Mombasa  alle 5 di mattina, dove un pulmino ci attende per il trasferimento in hotel. Tre ore di strade prevalentemente sterrate, durante le quali non posso fare a meno di osservare tutto ciò che mi circonda:  in poco tempo il sole sorge e le strade si animano…  persone lungo i cigli della strada, tra case e negozietti fatti di fango, legno e lamiere; camminano scalzi, alcuni sorridono, altri sono ancora assonnati. Dei ragazzotti girano in moto, tutte dello stesso modello. Altri guidano delle api Piaggio, ce ne sono tantissime. Il mio primo pensiero?  Mi sono sentita ricca. Tutte le volte che ho

Vacanza in un faro. Per dormire cullati dal suono delle onde del mare sotto un cielo di stelle.

Una vacanza alternativa dormendo all’interno di un faro. Immagina un luogo lontano dal caos cittadino, dalla vita frenetica di tutti i giorni, dove staccare davvero la spina. Immagina di chiudere gli occhi e farti cullare dal rumore delle onde del mare. Esiste un posto così? Questa estate ho deciso di fare una  vacanza alternativa, un’esperienza quasi unica: dormire in un faro .   Un faro è una struttura direttamente sul mare, sulla terra ferma oppure al largo su un isolotto, che indica la via ai marinai durante la notte. Ogni faro lampeggia in modo diverso dagli altri. Il suo modo di lampeggiare è un codice che indica il nome del luogo dove si trova. In caso di guasto della strumentazione di bordo, un marinaio che si ritrova al buio in mezzo a un mare tutto uguale, scorgendo la sua luce, saprà in che direzione nuotare per raggiungere la terra. Oggi alcuni fari non sono più abitati, in quanto sono tutti automatizzati, mentre in altri vive ancora il guardiano del faro, che si occupa d