Passa ai contenuti principali

Kenya. Safari allo Tsavo, Watamu e Garoda

Natale 2015. Dopo il classico pranzo con la famiglia, io e mio marito ci rechiamo all’aeroporto di Malpensa pronti per la nostra vacanza di Capodanno. Quest’anno abbiamo deciso di andare al caldo, e dopo aver tanto sentito parlare del “mal d’Africa”, abbiamo deciso di lasciarci contagiare anche noi, scegliendo come destinazione il Kenya.


Dopo circa 7 ore e mezza di volo, 
atterriamo a Mombasa alle 5 di mattina, dove un pulmino ci attende per il trasferimento in hotel. Tre ore di strade prevalentemente sterrate, durante le quali non posso fare a meno di osservare tutto ciò che mi circonda: in poco tempo il sole sorge e le strade si animano… persone lungo i cigli della strada, tra case e negozietti fatti di fango, legno e lamiere; camminano scalzi, alcuni sorridono, altri sono ancora assonnati. Dei ragazzotti girano in moto, tutte dello stesso modello. Altri guidano delle api Piaggio, ce ne sono tantissime.

Il mio primo pensiero? Mi sono sentita ricca. Tutte le volte che ho pensato “mi piacerebbe avere questo o quello…” mi sono sembrati futili capricci. Io ho già tutto. E anche il superfluo. Ho un appartamento con luce, gas, riscaldamento, il frigo pieno, un lavoro, tanti vestiti, una scarpiera con diversi tipi di scarpe da usare a seconda delle occasioni, … cosa posso volere ancora?

qui ho capito che l’Africa mi stava già entrando nel cuore.


Arrivati a Watamu ci siamo sistemati nella nostra stanza. La struttura era graziosa, una piccola bomboniera all’interno di un parco marino. La sabbia bianca, il mare azzurro e fortemente influenzato dalle fasi lunari: la marea cambia più volte durante il giorno, e quando l’acqua si ritira si possono scoprire piccoli isolotti e la fauna marina nascosta in piccole pozze.

Una caratteristica delle spiagge del Kenya è rappresentata dai “beach boys”.
Non appena metti piede sulla battigia, ne vieni circondato. Sarai seguito, quasi pedinato, riempito di discorsi sulle varie escursioni che potrai fare con loro. Inutile dirti non interessato, loro ti racconteranno tutta la storia della loro famiglia, ti inviteranno al negozio della sorella, al safari che organizzano, alla gita in barca, al pranzo di pesce.
Si ricorderanno di te durante tutto il tempo della vacanza e ti si presenteranno coi nomi più improbabili: Giovedì, Mimmo, Alessandro, Harry Potter, Maldini, … non ti resta che scegliere se affidarti a loro oppure all’albergo, come abbiamo fatto noi per il safari di due giorni nel parco dello Tsavo Est.


Una
 jeep 7 posti è venuta a prenderci alla reception e in circa tre ore di strade - anche stavolta prevalentemente sterrate - siamo arrivati all’ingresso del parco.

Durante il tragitto, si passa per una lunga strada di terra rossa, ai cui lati appaiono, correndo tra la vegetazione, decine e decine di bambini, tutti in attesa che passi la jeep per poter urlare il loro saluto “jambooo” ai turisti, col cuore pieno di speranza che qualcuno, ogni tanto, lasci loro un vestitino, dei pennarelli, o qualche dolcetto.
Un altro pezzo di Africa che ti si attacca alla pelle.


Il safari è un’esperienza unica
. Se si è fortunati, si riescono a vedere tantissimi animali, sia soli che in branco: elefanti, giraffe, zebre, gazzelle come se piovesse, babbuini, uccelli, ippopotami, leoni e leonesse coi cuccioli, e ancora animali dai nomi strani di cui si ignorava l’esistenza.

Grazie alla nostra bravissima guida, Alfonso (altro nome tipicamente kenyota), siamo riusciti a vedere anche il ghepardo! Rarissimo da avvistare, in quanto particolarmente schivo.


La notte abbiamo dormito al 
campo tendato di Satao, vivendo un’esperienza quasi magica. La cena viene servita su una veranda, mentre delle guardie “armate” di fionde tengono lontani gli animali molesti, lasciando invece avvicinare quelli più mansueti.

Tutto è avvolto dall’oscurità, un fuoco è acceso vicino al ristorante, una torretta ti permette di osservare gli animali abbeverarsi alla pozza, il cielo è un soffitto di stelle.

In Africa si sperimentano un buio e un silenzio mai provati… e si dormono sonni profondi, nonostante la possibile presenza di animaletti nella tenda. 


La sveglia ovviamente è all’alba, quando si ha più possibilità di vedere animali, non essendo ancora troppo caldo, e quando il sole regala dei colori fantastici.

Si rientra così in albergo un po’ sballottati dalle strade sconnesse ma felici e col cuore pieno di emozioni.


Prima di concludere la nostra vacanza, un’ultima esperienza: un passaggio con il 
tuk tuk fino alla spiaggia di Garoda.
Il tuk tuk  altro non è che la nostra ape Piaggio, su cui si sale anche in 5 persone, tutte strette, e in 10 minuti circa raggiungiamo questa famosa spiaggia dalle acque cristalline.
Con pochissimi euro si noleggia una sdraio per tutto il giorno e con altrettanti pochi euro si può pasteggiare con frutta fresca, pesce o riso, e bere acqua, una bibita oppure succo di cocco.
La spiaggia è ventilata e si può praticare kite. Una fila di bancarelle ti costringerà a dei piccoli acquisti di souvenir.


E poi arriva inesorabilmente anche lui, il giorno del rientro.

Cosa ricorderai del tuo viaggio in Kenya:
– i colori del cielo, della terra, dei tramonti, del mare, degli abiti, …
– i beach boys onnipresenti
– gli sguardi e i sorrisi dei bambini, le loro canzoni, i loro giochi, i loro saluti
– gli animali

Cosa non puoi perdere nel tuo viaggio in Kenya:
– fare almeno due giorni di safari, dormendo all’interno di un campo tendato (esperienza unica!)
– farti dare un passaggio in tuk tuk
– esplorare il fondale durante la bassa marea per scoprire tesori nascosti


Ringrazio le persone che hanno condiviso con noi questa vacanza
, partendo da Laura, Massimo e i loro ragazzi, che hanno condiviso con noi la jeep del safari; Guri, Guido e i loro bellissimi bambini, anche loro al safari con noi; Annalisa e Luca per l’esperienza sul tuk tuk; i ragazzi dell’animazione del Blue Bay per aver allietato le nostre giornate e serate, e per aver organizzato una piacevolissima festa di Capodanno; il direttore del Blue Bay per la sua presenza costante.

E il nostro agente di viaggio Max, per averci consigliato bene anche questa volta!

Commenti

Post popolari in questo blog

Roma in 3 giorni

Roma è una città che va visitata almeno una volta nella vita .  La città più bella del mondo , per la ricchezza di patrimonio artistico e storico che contiene. Ogni angolo, ogni passo, regala qualcosa da vivere. Se hai poco tempo per visitarla, di seguito trovi  tre mini-tour da una giornata ognuno , in modo da riuscire a visitare più monumenti possibili in soli tre giorni. GIORNO 1 Il must per eccellenza , se hai un solo giorno a disposizione,  è sicuramente il Colosseo, simbolo indiscusso  della capitale italiana. Facilmente raggiungibile in metropolitana, appena fuori te lo ritroverai di fronte. Dall’uscita della metro, svoltando a destra, puoi poi percorrere  via dei Fori Imperiali  fermandoti per qualche fotografia dai balconi che affacciano su di loro. Percorri tutta la via fino ad arrivare a  Piazza Venezia . Qui ti aspetta il maestoso  Altare della Patria . Attraversa la piazza sulla destra e fermati a riposare nel piccolo parco di fronte alla  Colonna Traiana , in cui ammi

Vacanza in un faro. Per dormire cullati dal suono delle onde del mare sotto un cielo di stelle.

Una vacanza alternativa dormendo all’interno di un faro. Immagina un luogo lontano dal caos cittadino, dalla vita frenetica di tutti i giorni, dove staccare davvero la spina. Immagina di chiudere gli occhi e farti cullare dal rumore delle onde del mare. Esiste un posto così? Questa estate ho deciso di fare una  vacanza alternativa, un’esperienza quasi unica: dormire in un faro .   Un faro è una struttura direttamente sul mare, sulla terra ferma oppure al largo su un isolotto, che indica la via ai marinai durante la notte. Ogni faro lampeggia in modo diverso dagli altri. Il suo modo di lampeggiare è un codice che indica il nome del luogo dove si trova. In caso di guasto della strumentazione di bordo, un marinaio che si ritrova al buio in mezzo a un mare tutto uguale, scorgendo la sua luce, saprà in che direzione nuotare per raggiungere la terra. Oggi alcuni fari non sono più abitati, in quanto sono tutti automatizzati, mentre in altri vive ancora il guardiano del faro, che si occupa d