Passa ai contenuti principali

Vacanza in un faro. Per dormire cullati dal suono delle onde del mare sotto un cielo di stelle.

Una vacanza alternativa dormendo all’interno di un faro.

Immagina un luogo lontano dal caos cittadino, dalla vita frenetica di tutti i giorni, dove staccare davvero la spina.
Immagina di chiudere gli occhi e farti cullare dal rumore delle onde del mare.
Esiste un posto così?



Questa estate ho deciso di fare una vacanza alternativa, un’esperienza quasi unica: dormire in un faro.
 
Un faro è una struttura direttamente sul mare, sulla terra ferma oppure al largo su un isolotto, che indica la via ai marinai durante la notte.
Ogni faro lampeggia in modo diverso dagli altri. Il suo modo di lampeggiare è un codice che indica il nome del luogo dove si trova. In caso di guasto della strumentazione di bordo, un marinaio che si ritrova al buio in mezzo a un mare tutto uguale, scorgendo la sua luce, saprà in che direzione nuotare per raggiungere la terra.



Oggi alcuni fari non sono più abitati, in quanto sono tutti automatizzati, mentre in altri vive ancora il guardiano del faro, che si occupa della manutenzione di tutta la struttura. 
Alla base del faro, una casa lo ospita con la sua famiglia.

Ed è proprio in uno degli appartamenti di questa casa che ho soggiornato per qualche giorno durante la mia ultima vacanza estiva in Croazia.

La Croazia è il luogo ideale dove provare questa esperienza diversa dal solito, perchè offre tantissime strutture in cui poter soggiornare. 
Alcuni fari sono sulla terra ferma, ideali per chi non vuole esagerare con l’originalità.
Si raggiungono in auto e nei dintorni si trovano supermercatini e ristorantini dove cenare.



Per i più temerari, molti sono i fari che si trovano su isolotti, da raggiungere in barca o traghetto.
In questo caso bisogna portarsi tutte le provviste da casa, perchè la barca fa solo un tragitto all’andata e uno al ritorno.

In entrambi i casi, consiglio di portare una torcia per muoversi alla sera, perchè il buio è pesto e si possono ammirare migliaia di stelle, stando sdraiati su uno scoglio in riva al mare.

Gli appartamenti sono sempre pochi, generalmente da 2 a 4, per cui anche nel caso in cui non si fosse gli unici si è comunque in pochissimi a poter godere della natura, del silenzio e del mare.



La notte si dorme cullati dal rumore delle onde, e al mattino aprendo la finestra non si vede che mare cristallino.
Una iniezione di relax totale. E di romanticismo, in caso si viaggi in coppia.

I fari destinati all’accoglienza sono aperti quasi tutto l’anno, e oltre alla Croazia ce ne sono anche in Scozia e in Francia.
In Italia ne ho trovato solamente uno, in Sardegna, ma si tratta di un faro luxury a prezzi esorbitanti.
Se si vuole vivere una vera esperienza in un faro consiglio quindi quelli più originali della Croazia, in cui poter soggiornare a prezzi assolutamente contenuti.

Noi vogliamo già tornare e organizzare di nuovo una vacanza in un faro!




Commenti

Post popolari in questo blog

Viaggio alle Azzorre: Sao Miguel, Flores e Corvo

Lasciandosi il Portogallo alle spalle, attraversando l’Oceano Atlantico, si incontrano  le isole Azzorre , a metà strada tra Europa e Canada. Le Azzorre sono un  arcipelago di 9 isole  di origine vulcanica, dove la natura regna sovrana e il clima è mite tutto l’anno. Meta ideale per le vacanze in qualsiasi stagione, quindi, nonostante sia un luogo ancora poco soggetto al turismo (il che può essere anche un lato positivo!). Di seguito il resoconto del mio viaggio in queste terre, 2 settimane di luglio trascorse tra 3 isole: Sao Miguel, Flores e Corvo. Come raggiungere le Azzorre ? Dall’Italia, si può fare scalo a Lisbona o a Porto e poi proseguire per altre 2 ore di volo verso Ponta Delgada, capoluogo di Sao Miguel, l’isola principale e più grande delle Azzorre. Da qui, si raggiungono facilmente tutte le altre isole, sia via aereo che mare.   Dove alloggiare alle Azzorre ? Essendo il turismo poco sviluppato, non esistono molti hotel, ma principalmente appartamenti. A Sao Miguel ho all

Gita al Ponte Tibetano di Carasc

Appena fuori dall’Italia, nel Canton Ticino, c’è un percorso ad anello che porta al ponte tibetano di Carasc . Il ponte tibetano di Carasc attraversa la valle che divide i comuni di Monte Carasso e Sementina, è  lungo 270 metri  e, nel punto centrale, è  alto 130 metri . In totale ci vogliono circa 5 minuti a passo tranquillo per attraversarlo. Come si arriva al ponte tibetano di Carasc? Dall’Italia, basta impostare “ponte tibetano di Carasc” sul navigatore per arrivare a destinazione. Ci sono poi diverse alternative per arrivare al punto di inizio percorso: si può prenotare la funivia, prendere lo shuttle, partire a piedi da Sementina oppure, come abbiamo fatto noi, si può arrivare in auto fino al  parcheggio dell’oratorio della   Chiesa di San Defendente . La strada per il parcheggio è stretta e con diversi tornanti, ma presenta moltissimi spiazzi dove poter passare in 2 auto. Da qui, a pochi passi, parte il sentiero che  in circa 40 minuti porta a destinazione . Il sentiero è spess