Passa ai contenuti principali

Ponte tibetano e ferrata di Cesana Claviere

468 metri di camminata sospesi nel vuoto. Questo è quello che ho passato in una tranquilla domenica mattina con marito e sorella.

Impavidi e coraggiosi, ci siamo diretti a Cesana Claviere, dove si trova il ponte tibetano più lungo del mondo, con possibilità di aggiungere anche una “facile” ferrata della durata di un’ora circa.



All’arrivo i ragazzi alla biglietteria ci hanno aiutati con l’imbragatura e spiegato come utilizzarla. È anche possibile portare la propria, nel caso la si possegga già.
Per i caschetti vengono forniti cuffiette igieniche.
Di fronte alla biglietteria, a livello strada, si trova una ricostruzione di un pezzo di ponte, utile per farsi un’idea di quello che ci aspetterà una volta all’inizio di quello vero, e per provare ad usare i moschettoni e l’imbragatura!

Finito il briefing, è ora di incamminarsi! Un sentiero nel bosco di circa 20 minuti, semplice e con pochissimo dislivello, porta all’inizio del primo ponte tibetano.
Qui si trova un altro addetto che ti rassicura a sua volta, prima di cominciare l’avventura!
Il primo impatto può essere un po’ adrenalinico, ma poi, passo passo, ci si inizia ben presto a divertire e rilassarsi.
Finito il primo ponte bisogna spostarsi, sempre rimanendo legati, sull’altro lato della montagna, per proseguire sul secondo ponte, il più lungo, che attraversa una gola con un fiume sottostante.



 Il paesaggio è bellissimo e, se vi sentite sicuri, si riesce anche a scattare qualche bella foto.

Terminato il secondo ponte, si arriva sulla terra ferma.
A questo punto si possono prendere due strade: o proseguire per il sentiero che in pochi minuti porta al terzo e ultimo ponte, oppure tentare la via ferrata.

Siccome ci stavamo divertendo e volevamo far durare l’esperienza più a lungo, ci siamo sentiti abbastanza convinti e abbiamo optato per la ferrata, anche se non sapevamo bene cosa aspettarci.



Dal ponte infatti è visibile solo il primo tratto, che si arrampica sulla parete della montagna.
Dopo pochi passi, però, bisogna girare sull’altro versante, e da lì la vista è un po’ paurosa, in quanto ti trovi a camminare su dei supporti di ferro, inseriti nella parete rocciosa, a strapiombo sulla valle.
In realtà è solo un fatto psicologico di trovarsi a una certa altezza, perché poi di fatto la ferrata in sé è molto semplice da effettuare.

Tenendosi sempre imbragati, si passa da un ferro all’altro, afferrandosi a una corda ricoperta in gomma e molto ben tenuta.
Terminato il primo pezzo, c’è un piccolo sentiero nel bosco che porta a un’altra parete dove si sale tipo scaletta per un altro pezzo.
Infine, c’è un’ultima salita, che si può fare quasi gattonando, e che assomiglia più a una vera e propria scala nella roccia, che porta a un vecchio bunker militare.

Il bunker viene attraversato a piedi e si esce dal lato opposto, ricongiungendosi al terzo e ultimo ponte.



Questo ponte è più breve degli altri due, ma molto più alto. Quando siamo stati noi, c’era anche un po’ di vento e il ponte tendeva a dondolare un pochino.
Ma ormai, una volta giunti qui si è quasi degli esperti, per cui senza paura si affronta anche l’ultimo scoglio, fino a tornare sul versante della montagna dove si trova la biglietteria, per poter riconsegnare l’attrezzatura.

Sia il ponte tibetano di Cesana Claviere che la ferrata al bunker sono attività che consiglio a tutti, a meno che non si soffra di vertigini. Facili, divertenti, in mezzo alla natura e molto economici.

Qualche info tecnica.

Dietro le biglietterie si trovano dei bagni, mentre a pochi passi c’è un ristorante (che non ho provato in quanto avevamo il pranzo al sacco. Per questa seconda opzione tenete presente che ci sono pochi tavolini in legno dove potersi appoggiare).
Come abbigliamento consiglio scarpe da trekking o scarponcini da montagna, con suola che non faccia scivolare, e un pile o k-way per il vento o le zone in ombra, che sono un po’ più fredde.

In caso di maltempo il ponte è chiuso e non percorribile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Roma in 3 giorni

Roma è una città che va visitata almeno una volta nella vita .  La città più bella del mondo , per la ricchezza di patrimonio artistico e storico che contiene. Ogni angolo, ogni passo, regala qualcosa da vivere. Se hai poco tempo per visitarla, di seguito trovi  tre mini-tour da una giornata ognuno , in modo da riuscire a visitare più monumenti possibili in soli tre giorni. GIORNO 1 Il must per eccellenza , se hai un solo giorno a disposizione,  è sicuramente il Colosseo, simbolo indiscusso  della capitale italiana. Facilmente raggiungibile in metropolitana, appena fuori te lo ritroverai di fronte. Dall’uscita della metro, svoltando a destra, puoi poi percorrere  via dei Fori Imperiali  fermandoti per qualche fotografia dai balconi che affacciano su di loro. Percorri tutta la via fino ad arrivare a  Piazza Venezia . Qui ti aspetta il maestoso  Altare della Patria . Attraversa la piazza sulla destra e fermati a riposare nel piccolo parco di fronte alla  Colonna Traiana , in cui ammi

Vacanza in un faro. Per dormire cullati dal suono delle onde del mare sotto un cielo di stelle.

Una vacanza alternativa dormendo all’interno di un faro. Immagina un luogo lontano dal caos cittadino, dalla vita frenetica di tutti i giorni, dove staccare davvero la spina. Immagina di chiudere gli occhi e farti cullare dal rumore delle onde del mare. Esiste un posto così? Questa estate ho deciso di fare una  vacanza alternativa, un’esperienza quasi unica: dormire in un faro .   Un faro è una struttura direttamente sul mare, sulla terra ferma oppure al largo su un isolotto, che indica la via ai marinai durante la notte. Ogni faro lampeggia in modo diverso dagli altri. Il suo modo di lampeggiare è un codice che indica il nome del luogo dove si trova. In caso di guasto della strumentazione di bordo, un marinaio che si ritrova al buio in mezzo a un mare tutto uguale, scorgendo la sua luce, saprà in che direzione nuotare per raggiungere la terra. Oggi alcuni fari non sono più abitati, in quanto sono tutti automatizzati, mentre in altri vive ancora il guardiano del faro, che si occupa d

Kenya. Safari allo Tsavo, Watamu e Garoda

Natale 2015. Dopo il classico pranzo con la famiglia, io e mio marito ci rechiamo all’aeroporto di Malpensa pronti per la nostra  vacanza di Capodanno . Quest’anno abbiamo deciso di andare al caldo, e dopo aver tanto sentito parlare del “ mal d’Africa ”, abbiamo deciso di lasciarci contagiare anche noi, scegliendo come  destinazione  il  Kenya . Dopo circa 7 ore e mezza di volo,  atterriamo a Mombasa  alle 5 di mattina, dove un pulmino ci attende per il trasferimento in hotel. Tre ore di strade prevalentemente sterrate, durante le quali non posso fare a meno di osservare tutto ciò che mi circonda:  in poco tempo il sole sorge e le strade si animano…  persone lungo i cigli della strada, tra case e negozietti fatti di fango, legno e lamiere; camminano scalzi, alcuni sorridono, altri sono ancora assonnati. Dei ragazzotti girano in moto, tutte dello stesso modello. Altri guidano delle api Piaggio, ce ne sono tantissime. Il mio primo pensiero?  Mi sono sentita ricca. Tutte le volte che ho