Passa ai contenuti principali

Cascate di Mascognaz in Val d’Aosta

La Val d’Aosta è terra ricca di escursioni, dalle più semplici alle più impegnative. Una gita che sicuramente merita di essere fatta è quella al paesino di Mascognaz, partendo da Champoluc e passando dalle bellissime cascate di Mascognaz.


Champoluc è una famosa meta turistica della Val d’Aosta, da cui partire per diverse escursioni. È attraversata dal torrente Evançon, dove si trova anche l’ufficio del turismo.
Proprio da qui parte il sentiero che, in circa 1 ora di cammino, porta a Mascognaz (sentiero 14 e 15).
Dopo una breve salita non impegnativa, in 5 minuti si arriva alla base delle cascate. 
Prendendo il sentiero sulla sinistra, che entra nel bosco, si inizia a salire maggiormente.
Il dislivello è un po’ più elevato ma sempre molto semplice.
In soli ulteriori 5-10 minuti, porta al primo punto panoramico sulle cascate di Mascognaz.

Il sentiero prosegue ancora, sempre in salita, portando ad altri punti panoramici sulle cascate, sempre più in alto e più vicino all’acqua.
A ogni punto panoramico c’è una panchina in legno dove riposarsi.
 
Passato l’ultimo punto panoramico sulle cascate, il sentiero prosegue ancora nel bosco, fino ad arrivare al torrente Mascognaz, dove il cammino si fa più in piano.
Un’ultima salita porta finalmente al paesino di Mascognaz, a circa 1800 metri d’altitudine, dove la vista si apre sulla Valle di Ayas a perdita d’occhio.

Il borghetto è oggi una struttura alberghiera
 con tanto di spa e ristorante. Quando siamo stati io e mio marito, abbiamo trovato un matrimonio, con gli invitati che ballavano di fronte a una vista meravigliosa sul Monte Rosa.
Una volta a Mascognaz ci si può rilassare nel verde, visitare il borghetto, proseguire per altre escursioni più lunghe, oppure rifare il sentiero al contrario e rientrare a Champoluc per la sera.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vacanza in un faro. Per dormire cullati dal suono delle onde del mare sotto un cielo di stelle.

Una vacanza alternativa dormendo all’interno di un faro. Immagina un luogo lontano dal caos cittadino, dalla vita frenetica di tutti i giorni, dove staccare davvero la spina. Immagina di chiudere gli occhi e farti cullare dal rumore delle onde del mare. Esiste un posto così? Questa estate ho deciso di fare una  vacanza alternativa, un’esperienza quasi unica: dormire in un faro .   Un faro è una struttura direttamente sul mare, sulla terra ferma oppure al largo su un isolotto, che indica la via ai marinai durante la notte. Ogni faro lampeggia in modo diverso dagli altri. Il suo modo di lampeggiare è un codice che indica il nome del luogo dove si trova. In caso di guasto della strumentazione di bordo, un marinaio che si ritrova al buio in mezzo a un mare tutto uguale, scorgendo la sua luce, saprà in che direzione nuotare per raggiungere la terra. Oggi alcuni fari non sono più abitati, in quanto sono tutti automatizzati, mentre in altri vive ancora il guardiano del faro, che si occupa d

Viaggio alle Azzorre: Sao Miguel, Flores e Corvo

Lasciandosi il Portogallo alle spalle, attraversando l’Oceano Atlantico, si incontrano  le isole Azzorre , a metà strada tra Europa e Canada. Le Azzorre sono un  arcipelago di 9 isole  di origine vulcanica, dove la natura regna sovrana e il clima è mite tutto l’anno. Meta ideale per le vacanze in qualsiasi stagione, quindi, nonostante sia un luogo ancora poco soggetto al turismo (il che può essere anche un lato positivo!). Di seguito il resoconto del mio viaggio in queste terre, 2 settimane di luglio trascorse tra 3 isole: Sao Miguel, Flores e Corvo. Come raggiungere le Azzorre ? Dall’Italia, si può fare scalo a Lisbona o a Porto e poi proseguire per altre 2 ore di volo verso Ponta Delgada, capoluogo di Sao Miguel, l’isola principale e più grande delle Azzorre. Da qui, si raggiungono facilmente tutte le altre isole, sia via aereo che mare.   Dove alloggiare alle Azzorre ? Essendo il turismo poco sviluppato, non esistono molti hotel, ma principalmente appartamenti. A Sao Miguel ho all

Gita al Ponte Tibetano di Carasc

Appena fuori dall’Italia, nel Canton Ticino, c’è un percorso ad anello che porta al ponte tibetano di Carasc . Il ponte tibetano di Carasc attraversa la valle che divide i comuni di Monte Carasso e Sementina, è  lungo 270 metri  e, nel punto centrale, è  alto 130 metri . In totale ci vogliono circa 5 minuti a passo tranquillo per attraversarlo. Come si arriva al ponte tibetano di Carasc? Dall’Italia, basta impostare “ponte tibetano di Carasc” sul navigatore per arrivare a destinazione. Ci sono poi diverse alternative per arrivare al punto di inizio percorso: si può prenotare la funivia, prendere lo shuttle, partire a piedi da Sementina oppure, come abbiamo fatto noi, si può arrivare in auto fino al  parcheggio dell’oratorio della   Chiesa di San Defendente . La strada per il parcheggio è stretta e con diversi tornanti, ma presenta moltissimi spiazzi dove poter passare in 2 auto. Da qui, a pochi passi, parte il sentiero che  in circa 40 minuti porta a destinazione . Il sentiero è spess