Tag Archives: casa

Belforte Fragranze Italiane. Nuovo shop online e codice sconto Avvolgi la tua casa della tua fragranza preferita con Belforte Fragranze Italiane

Una casa avvolta da un buon profumo trasmette un senso di ordine e di accoglienza. Se inoltre il profumo è dato da una fragranza di pregio e Made in Italy, si arricchisce subito anche di eleganza.

Belforte Fragranze Italiane è il marchio che permette di unire tutti questi elementi.

Nata dall’idea di una donna marchigiana nata a Belforte, piccolo comune a metà strada tra mare e montagne, è diventata in seguito un’azienda gestita da giovani imprenditori che realizzano fragranze oggi vendute in tutto il mondo. Ciò che vendono non è solo la qualità Made in Italy, ma anche la possibilità di personalizzare i prodotti secondo le proprie esigenze, dal packaging alla fragranza stessa.
Continue reading Belforte Fragranze Italiane. Nuovo shop online e codice sconto Avvolgi la tua casa della tua fragranza preferita con Belforte Fragranze Italiane

POS DESIGN presenta i suoi Piccoli Oggetti Speciali Progetto POS DESIGN. Personalizza casa col tuo Piccolo Oggetto Speciale 100% Made in Italy

Piccoli oggetti di uso quotidiano, ma con qualcosa di speciale.
POS Design nasce per volontà di Ecoplast, azienda italiana specializzata nella lavorazione delle materie plastiche, di creare qualcosa di unico.
Grazie all’incontro e alla collaborazione con Marco Maggioni, tutto ciò diventa possibile. Maggioni, rinomato designer italiano con un nutrito portfolio di prodotti per la casa e il tempo libero, reinventa e disegna questi Piccoli Oggetti, rendendoli Speciali.

_MG_1322-d585cc24e8
Il cestino portamollette Arya. Immagine dal sito POSDESIGN.it

Esiste una materia prima che non si esaurirà mai – dice Maggioni – ed è l’immaginazione. POS Design è stata pensata come una linea esclusiva, dal design originale e ricercato. Ogni prodotto coniuga in modo armonico il mondo della natura con l’uomo: non a caso l’estetica di ogni modello evoca forme naturali…..
Ed ecco come i giusti abbinamenti cromatici raccontano del sole, dell’acqua, della natura.

Continue reading POS DESIGN presenta i suoi Piccoli Oggetti Speciali Progetto POS DESIGN. Personalizza casa col tuo Piccolo Oggetto Speciale 100% Made in Italy

Come arredare casa Le regole per arredare casa con gusto senza pentirsi

Quando si compra casa per la prima volta, piuttosto che si va in affitto in un appartamento non arredato, una delle prime domande riguarda loro: i mobili.

Come scegliere i mobili, come disporli, dove comprarli, quanto è giusto spendere?

Prima regola: niente panico.
In genere, quando si inizia a cercare casa e si visitano i vari appartamenti, chi ce li mostra suggerisce già come disporre l’arredamento, per aiutare a visualizzare già il “prodotto finito” e convincere all’acquisto / affitto.

Apartment Camping

Su internet si trovano inoltre diversi programmi gratuiti da scaricare per divertirsi ad arredare in poche mosse le varie stanze della propria dimora. Un esempio molto valido è SweetHome3D, che permette anche una visione tridimensionale, per una migliore idea degli spazi.

Quando ci si reca per i vari negozi di arredamento, ricordarsi di portare sempre con sé la piantina o almeno le misure delle varie stanze, così che il personale possa farvi qualche proposta, comprensiva di disegno ad hoc, in base alle vostre esigenze.

Una buona regola da seguire è quella di decidere prima lo stile da dare alla propria casa: classico, moderno, contemporaneo. O ancora: sul bianco e nero, con un colore dominante, con vari colori, color legno naturale.

Decidete il vostro budget in base alla vostra idea di stabilità in quella casa. Se è una soluzione provvisoria, meglio non investire troppo. Se invece è definitiva, meglio arredarla un po’ per volta ma spendendo qualcosa in più.
La stanza che richiede più investimento in questo caso è la cucina. Meglio non risparmiare in questo locale, infatti, in quanto si tratta di un vero e proprio ambiente di lavoro: ogni giorno verrà utilizzato, tagliando, cucinando, lavando, pulendo, facendo inavvertitamente cadere delle cose, schizzando oli e condimenti sulle piastrelle, eccetera.
E’ bene quindi che i materiali siano idonei, gli elettrodomestici di buona qualità.

Il locale che costa di meno è in genere il bagno, anche per il fatto di essere il più piccolo, e perché di solito è sufficiente un mobiletto. Attenzione però alle ceramiche. Fate in modo che siano di qualità, per evitare che ingialliscano col tempo.

La camera da letto deve essere pensata in modo che trasmetta relax e pace. No quindi a colori troppo accesi, che non stimolano il sonno. Questa stanza è il vostro angolo intimo, ed è giusto che parli di voi. Non dimenticate di mettere qualche foto vostra e dei vostri amati.

Il soggiorno è in genere l’ultima sala che si arreda, in quanto per avere la residenza non è necessario che ci sia (per la residenza ci devono essere cucina, bagno e camera da letto).
Pensatela come un luogo di compagnia, dove poter accogliere i vostri ospiti.

Una volta che avrete il mobilio, passate poi alle tende, lampadari e tutti i complementi d’arredo. Fate in modo che la vostra casa parli di voi. E’ il vostro regno, il vostro nido dove rintanarsi alla fine di una giornata di lavoro; quel luogo dove quando entrerete ogni giorno dovrete sentirvi al sicuro e in pace. Dovrete, in una parola, sentirvi a casa!

Leggi altro della sezione GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Idee per la cena
Time to cook

Come pulire i davanzali
Window box perfection

 

photo by:

Helpling, prenota on-line le tue pulizie di casa Un'app per le tue pulizie di casa in pochi click!

Casa in disordine? Poco tempo e voglia per le pulizie?
Nessun problema, da settembre 2014 è attivo anche in Italia il servizio Helpling.

helpinglogo

Cos’è Helpling?

Helpling è una startup del gruppo tedesco Rocket Internet (famosa, tra l’altro, per gli e-commerce di Zalando e Groupon). Nata in Germania a marzo, e già presente anche in Austria, Svezia, Olanda, Francia e Brasile. In Italia è al momento attiva nelle province di Milano, Roma, Torino, Bologna, Monza, Varese, Cagliari, Nuoro, Piacenza e Padova.

Tramite apposita App per cellulare o tablet, piuttosto che dal proprio PC, è possibile prenotare in pochi click un servizio di pulizia per la propria casa, grazie alla sicurezza offerta da Helpling, per la quale lavorano più di 150 operatori tra i 24 e i 35 anni circa, tutti accuratamente selezionati.

I prodotti per la pulizia vengono messi a disposizione dal cliente, così da utilizzare i detersivi che si preferiscono, e se ci si dovesse essere un cleaner che ci è piaciuto particolarmente, si può chiedere di poterlo avere come addetto dedicato.

Le pulizie possono essere prenotate sia con frequenza fissa (ad esempio una volta a settimana, tutti i giovedì alle 14), oppure saltuaria (ad esempio se volete dare una riassettata generale prima di una cena o per il cambio stagione).


Helpling I fondatoriNella foto: i fondatori di Helpling


Come avviene la prenotazione?

La prenotazione del servizio è molto semplice e richiede davvero pochissimo tempo.
Basta scaricare l’App, oppure andare sul sito web di Helpling e cliccare su “Prenota ora una pulizia”. Si viene così indirizzati su una prima pagina in cui selezionare la prestazione richiesta.

Si selezionano il numero di stanze e di bagni che necessitano la pulizia, e in automatico il sistema indica il tempo necessario (1 ora per ogni stanza e mezz’ora per ogni bagno) e il prezzo totale. Sempre in questo passaggio si possono selezionare anche servizi extra, tipo la pulizia del forno, dei vetri o delle persiane.

Cliccando su “Successivo” si inserisce poi il proprio nome e indirizzo.
In seguito, appare una sorta di calendario con i giorni e le fasce orarie in cui è disponibile il servizio, e basta un click per selezionare quello più consono alle proprie esigenze.
Prima di confermare, vengono poste delle domande pratiche del tipo: “C’è qualcosa che volete non venga toccato?”, “Come entrerà in casa l’addetto Helpling?”, eccetera.

Viene inserita la carta di credito, che comunque non verrà addebitata fino a 72 ore dopo la fine del servizio di pulizia. Questo anche perché il tempo prenotato può essere variato su esigenza, sia in eccesso che in difetto. Il servizio clienti è sempre attivo e può essere contattato in qualsiasi momento per qualsiasi dubbio.
Entro un paio di giorni dalla conferma, viene inviata una mail col nome dell’operatore che si recherà presso la vostra casa.

Helpling il Team a Berlino
Nella foto: il team Helpling di Berlino

La mia esperienza con Mercy

Dopo aver confermato la mia prenotazione, all’orario stabilito si è presentata alla mia porta una sorridente e giovane signora, Mercy, a cui ho mostrato le stanze che andavano pulite e i vari detersivi, stracci, aspirapolvere, eccetera che avevo preparato per lei.
Essendo la mia prima esperienza, e non essendo abituata a farmi pulire casa, avevo comunque già fatto un po’ di pulizie in modo sommario, per non lasciare troppo sporco.

Ma non avevo pensato che avrebbe pulito davvero tutto! Quando mi ha chiesto una scaletta per pulire sopra i pensili della cucina e sopra al frigorifero, mi sono vergognata un po’, pensando a quanti centimetri di polvere ci sarebbero probabilmente stati!
Ma Mercy ha pulito tutto in maniera eccellente e rapida. Le vetrinette della cucina sono tornate brillanti come fossero nuove. Anche gli altri locali sono stati spolverati, puliti e lavati in modo impeccabile.

Essendo avanzato del tempo, l’addetta ha pulito anche il soggiorno, anche se inizialmente escluso dalla mia richiesta.
Devo dire che la differenza rispetto a quando pulisco io si è notata, e mi ha lasciata con una sensazione di pulito e di ordine davvero piacevole.

Un servizio sicuramente utile per chi ha poco tempo da dedicare alla casa, o anche solo da prenotare ogni tanto, magari prima delle feste, delle vacanze, o di una cena importante.


PROMOZIONE DI NATALE 2014

Non hai ancora provato il servizio Helpling ma ti piacerebbe testarlo? Quale migliore occasione delle vacanze natalizie per farsi pulire casa?
Helpling offre a tutti i nuovi clienti il 50% di sconto, utilizzabile fino all’Epifania, per una servizio massimo di 6 ore! Basta inserire il codice promozionale NATALEHELPLING al termine della prenotazione per avere subito diritto al vostro regalo di Natale!
Una promozione che vale la pena utilizzare!
Scopri di più sul sito Helpling.

Leggi altro della sezione GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Idee per la cena
Time to cook

Matrimonio. La notte prima No, ma non sarete agitate, no

Ci siamo! Finalmente è arrivato il giorno tanto atteso, il matrimonio!

Probabilmente oggi siete state a casa da lavoro e siete pronte per l’ultima notte a casa dei genitori prima del grande passo!

Durante tutto il tempo dei preparativi siete state euforiche, felici, a volte un po’ stanche, ma magari mai particolarmente agitate.

pexels-photo

Lo stress della ricerca del ristorante, delle bomboniere, il giro da parenti e amici con confetti e partecipazioni. Vi sembra sia successo tutto solo ieri, e adesso siete al dunque.

Quindi è normale che subentri lei: l’agitazione.

Iniziamo con un consiglio per le amiche della sposa: ricordatevi di (non) spegnere il cellulare prima di andare a dormire se avete un’amica che sta per sposarsi, se (non) volete che inizi a suonarvi a orari notturni improbabili 🙂
Per chiacchierate dell’ultimo momento tipo:
Ma siamo sicuri che sto sposando l’uomo giusto, quello che deve durare tutta la vita? Cioè, sì, certo che sono sicura. Ma soprattutto, lui è sicuro di me? E se arrivo in chiesa e non c’è? E non si presenta? Cosa faccio?

3991459257_0d02d96a45_b

E se mi sveglio e non mi si allaccia più il vestito? O se ho dimenticato qualcosa?
E se qualcuno si sente male e non può più venire? E se sta male il prete?
O la parrucchiera? Chi mi pettina se sta male la parrucchiera?

Insomma, una sposina è giusto che si senti agitata e ha bisogno di comprensione e supporto.

Ma è normale, care sposine. State per vivere davvero uno giorni più belli della vostra vita, dove tutti gli occhi saranno per voi. Dove la festa sarà tutta vostra. Dove sarete accompagnati da persone che vi vogliono bene e saranno emozionate quanto voi.

Quindi un bel respiro e via! L’avventura comincia.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE VITA DI COPPIA

Potrebbe interessarti anche:

Inconvenienti di matrimonio dell’ultimo minuto
525900669_1280x720

 

 

Come pulire i davanzali Metodi di pulizia per davanzali di diversi materiali

In primavera si riaprono le finestre al nuovo sole!
E tra le varie “pulizie di primavera”, non vanno quindi dimenticati i davanzali!

Come pulirli al meglio?

now I lay me down to sleep

Se avete davanzali in marmo, procedete nel modo seguente:
Preparare una soluzione di acqua e ammoniaca (circa 1 cucchiaio per ogni litro) e utilizzarla per lavare i davanzali. Se ci sono punti molto sporchi, strofinarli con del sale fino, sciacquare abbondantemente e asciugare bene con un panno pulito.

Se invece i vostri davanzali sono in pietra o cemento:
Innanzitutto spazzolatelo bene con una spazzola asciutta a denti duri. Successivamente, ripassate la stessa spazzola, imbevuta di acqua e ammoniaca. Sciacquare e asciugare.

Ricordatevi di spazzolarli spesso in modo da evitare che la polvere si accumuli nelle fessure.

E adesso potete anche abbellirli con dei vasi di fiori o come più vi piace!

Leggi altro della sezione GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Come arredare casa
My pink wall

Smacchiare le pareti Come togliere segni dalle pareti di casa senza rovinarle

Avete appena tinteggiato i muri, e durante il trasloco avete già macchiato le pareti?
Vostro figlio si è appoggiato con le manine sporche e vi ha lasciato delle ditate?

Ecco dei consigli su come smacchiare le pareti senza rovinarne il colore:

My pink wall

Pareti tinteggiate:
Se la pittura è lavabile, utilizzate una spugnetta leggermente inumidita con acqua e detersivo delicato.
Se la macchia è molto estesa, usate uno straccio gommato oppure con la gomma pane, asportandola un pezzettino alla volta.

Tappezzeria:
Le ditate si possono togliere utilizzando la gomma pane.
Se la tappezzeria è in stoffa, tamponare con uno straccio appena bagnato con della trielina.
L’unto può essere tolto utilizzando della saponaria o del borotalco: coprire la macchia con la saponaria, porre un pezzo di carta assorbente, e dare una passata col ferro caldo.

Uno strumento molto efficace è anche la “Spugna Magica“.
Si trova facilmente in tutti i supermercati e promette di cancellare quasi qualsiasi macchia da quasi qualsiasi superficie.
Io la utilizzo spesso e funziona molto bene.

Basta inumidirla appena appena e passarla sulla macchia che si intende rimuovere.
I muri tornano perfetti.

La utilizzo anche per pulire la vasca da bagno dai segnetti di smalto che mi capita di lasciare mentre la pulisco 🙂

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

POS design presenta i suoi piccoli oggetti speciali
diariodime_posdesign

Irrefrenabile desiderio di shopping sfrenato Quando lo shopping è necessità. E necessità virtù.

Penso sia normale, e che capiti più o meno a ogni donna, la giornata in cui qualsiasi cosa che vede le piace e ha voglia di spendere tantissimi soldi in shopping!

Tipo che guardate ogni vetrina o pagina di internet e vi sembra che il mondo sia pieno di cose bellissime che desiderate (per necessità!): scarpe, borse, magliette, vestiti, biancheria intima, orecchini, …
E che vi accorgiate che quello che avete non è altrettanto bello. Che è superato, rovinato, e che in fondo… non avete niente da mettervi!

shopping-606993_960_720

E sentite che avete proprio bisogno di un paio di scarpe eleganti nere. Un altro paio sempre eleganti ma senza tacco, da mettere tutti i giorni. E un altro paio più sportive. Per non dire di un altro paio colorate, perché quest’anno si usano così e ne vendono di bellissime.
Continue reading Irrefrenabile desiderio di shopping sfrenato Quando lo shopping è necessità. E necessità virtù.

Come eliminare le macchie di muffa Rimedi per eliminare fastidiose macchie di muffa dai capi

Capita di lavare i capi e poi lasciarli diverse ore in lavatrice, oppure di riporli ancora umidi.
O ancora, di ritirarli in sacchetti di plastica per il cambio armadi, non ancora perfettamente asciutti.

E quando torna il periodo del cambio di stagione, li troviamo con un po’ di muffa.

I colori del bucato - Washing colors

Come eliminare questo problema?

Per eliminare macchie di muffa da un capo, immergetelo nel latte bollente e lasciatelo in ammollo fino a quanto il latte non si sia raffreddato.
Sciacquate bene e lasciate asciugare al sole.

Ricordatevi di prevenire questo inconveniente assicurandovi di ritirare i capi stesi solo quando sono bene asciutti. E di non lasciarli troppo tempo in lavatrice al termine del lavaggio.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

MugCake
Clothed (with sprinkles)

Pulire i mobili in legno Il metodo migliore per pulire mobili in legno

In generale, per pulire i mobili, è consigliabile utilizzare panni morbidi che tolgano delicatamente lo sporco.

Nel caso di mobili in legno, procedere alla pulizia nel modo seguente:

VERTICAL wardrobe / armadio

Se in legno laccato, utilizzare un panno di daino imbevuto di acqua e di qualche goccia di ammoniaca, passandolo sul mobile cercando di seguire le venature del legno.
Per mantenerlo chiaro, passarlo con poca acqua ossigenata.

Il legno naturale o laccato può essere lavato passando una spugnetta inumidita con acqua e sapone, per poi sciacquare e asciugare subito.

Il legno di noce può essere trattato spolverandolo con un panno asciutto e pulendolo con del cherosene: lasciare assorbire e poi incerare.

Il frassino si pulisce con un panno di daino inumidito con acqua.

Se avete mobili in legno incerato, spolverare con un panno morbido e rifinire passando la cera per mobili.
Per incerare e lucidare il legno, utilizzare la cera d’api calda sciolta a bagnomaria, aggiungendo un po’ di trementina. Lasciare asciugare a lungo e passare con un panno di lino.

Se doveste macchiare un mobile in legno, in commercio esistono diversi prodotti appositi che attenuano le macchie, anche se non le cancellano totalmente.
Si consiglia di fare una prova su una piccola superficie, un po’ nascosta.
Inumidire un panno e versarvi una piccola quantità di prodotto.
Passarlo delicatamente sulla macchia, strofinando dall’esterno verso l’interno per evitare di espanderla.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Come pulire il forno
Kbis Kitchens 2008 Cardell

 

Quando vengono gli amici a cena Avete appena preso casa, e subito volete invitare i vostri amici per mostrargliela... sicuri?

Quando si prende casa, una delle prime cose che in genere si pensa è: adesso organizzeremo delle mega cene con gli amici!

Nei primi mesi, è tutto un via vai di amici che vengono a vedere il vostro nido d’amore.
Ma presto si iniziano ad accusare i primi ripensamenti su tutti questi inviti.

4236438667_38fe5a5e1f_b

Ogni volta, infatti, questo significa passare il pomeriggio a pulire tutta casa!
Macchie d’acqua sui rubinetti del bagno, palle di polvere che si aggirano negli angoli di tutte le stanze (e ti chiedi come sia possibile che ogni giorno si riformino, visto che non ci state mai, in casa!), il letto che deve essere rifatto tirando bene lenzuola e copriletto, pavimenti da lavare, …

Il tutto perché ogni volta i vostri amici dovranno fare il giro dell’appartamento e rimirare e commentare la vostra scelta e il vostro arredamento.
Continue reading Quando vengono gli amici a cena Avete appena preso casa, e subito volete invitare i vostri amici per mostrargliela… sicuri?

Pulire e mantenere divani in pelle e tessuto I metodi di pulizia per i vostri divani, in base al tipo di materiale

Se ancora non avete acquistato il vostro divano, è consigliabile orientarsi a una tipologia che vi permetta di sfoderarlo completamente, e che sia realizzata in tessuto lavabile in lavatrice.
Questo vi permetterà una manutenzione molto più semplice.

Se il vostro divano è in tessuto robusto, tenetelo pulito passandoci l’aspirapolvere e strofinandolo con schiuma secca.

sofa-837019_960_720

Se invece è in tessuto delicato, usate la saponaria in polvere e spazzolatelo delicatamente, eliminando i residui con l’aspirapolvere.

I divani in pelle sintetica possono essere mantenuti passando una spugnetta imbevuta di acqua e sapone delicato. Per fare in modo che rimangano lucidi, utilizzare i prodotti appositi.

Se in pelle naturale colorata, utilizzare una cera della stessa tonalità.

In caso di divano in cuoio, si consigliano la cera vergine o comunque apposita per mantenere la morbidezza più a lungo.

Infine, in caso di divani in camoscio, lavare con schiuma secca e passare l’aspirapolvere per aspirare i residui.

Lido Sofa, 84" version, upholstered

Ma cosa fare in caso di macchie?

I rivestimenti in stoffa sono più facilmente trattabili rispetto alla pelle, cuoio o camoscio.
Ecco di seguito alcuni consigli per rimediare alle macchie più comuni:

Macchie di unto: Se su stoffa, poggiate della carta assorbente e rimuoverla. Cospargete di talco e spazzolate dopo qualche minuto di posa. Se su divani in pelle, strofinate con acqua tiepida, sapone e un po’ di ammoniaca, poi passate uno straccio in stoffa pulito.

Macchie di bevande alcooliche: Se su stoffa, cercate di assorbire più liquido possibile con della carta assorbente, e poi pulite con un panno imbevuto di alcol e aceto bianco. Se su divani in pelle, assorbite il liquido e poi passate una spugnetta inumidita con acqua tiepida e sapone.

Macchie di biro: Se su stoffa, strofinate delicatamente con un panno inumidito con acqua e ammoniaca. Se il tessuto è delicato, utilizzate pasta di saponaria e spazzolate. Sul velluto, cospargete di sale fino e spazzolate dopo una mezz’ora di posa. Su divani scamosciati, sfregate con delicatezza con una limetta per le unghie. Infine, su divani in pelle, tamponate con del latte.

chesterfield-sofa-detail-1446913930tyx

Macchie di succhi di frutta o verdura: Se su stoffa, assorbite l’eventuale liquido e tamponate con aceto bianco e poca acqua acqua calda. Se su divani in pelle, tamponate con una spugnetta inumidita con acqua tiepida e sapone.

Macchie di profumo, colla, smalto: Utilizzate della carta assorbente, poi strofinate la macchia con ammoniaca o aceto bianco diluiti in acqua tiepida. Infine passate un panno di stoffa asciutto.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Come arredare casa
211/365 - Little Secrets

 

 

photos by: &

Il galateo: la famiglia dello sposo Cosa dice il galateo del matrimonio sulla famiglia dello sposo

Che ruolo ha la famiglia dello sposo nell’organizzazione di un matrimonio?
Per il galateo, questa è la lista di ciò di cui dovrebbe occuparsi la famiglia dello sposo:

Unidentified couple on their wedding day

– Fedi
– Bouquet della sposa
– Fiori
– Viaggio di nozze
– Auto per portare lo sposo alla cerimonia
– Casa coniugale

In realtà, queste regole non vengono più rispettate rigorosamente come una volta, ma più di frequente le spese sono divise in parti uguali o in base alle capacità economiche di ognuno.

Accettate quindi di buon grado qualsiasi aiuto i genitori dello sposo decidano di fare, ringraziando, e in questo caso senza pretendere per forza che si rispetti il galateo alla lettera.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE VITA DI COPPIA

Come pulire i pavimenti e piastrelle Metodi di pulizia per pavimenti splendenti

In casa, una buona igiene di pavimenti e piastrelle è importante. Ecco come effettuare al meglio questo tipo di pulizie.

tile

Pavimenti della cucina:
Lavate pavimenti e piastrelle della cucina con acqua e ammoniaca (circa 2 cucchiai per ogni litro d’acqua). Anche i prodotti specifici vanno bene, a patto di non usarne in eccessiva quantità e di risciacquare bene per evitare che il pavimento rimanga appiccicoso.

Per delle piastrelle che risplendano, aggiungete qualche goccia di brillantante per lavastoviglie.

Se dovete rimuovere macchie di unto, utilizzate l’aceto. Può essere utilizzato sia puro direttamente sulla macchia e strofinando bene, sia diluito in acqua. Asciugare poi con un panno.

Pavimenti del bagno:
Utilizzate una scopa a frange oppure uno straccio in lana.
Pulire con acqua e lisoformio e asciugare subito con un panno di daino per evitare aloni.

Per lucidarlo, passare il pavimento con uno straccio di acqua e alcol.
Per pulire le piastrelle, utilizzare un panno morbido.

Pavimenti di balconi e terrazzi:
Se avete dei vasi, raggruppateli e spazzate bene.
Passate poi al lavaggio delle piastrelle con acqua e detersivo, oppure acqua e ammoniaca.

E’ possibile anche gettare un secchio di acqua sul pavimento e strofinare bene con lo spazzolone.
Se il pavimento è in cemento, utilizzate acqua e ammoniaca (3 cucchiai ogni litro d’acqua).

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Helpling. Prenota le tue pulizie di casa
home-1398421339ngs

Pulire il forno a microonde Come procedere alla pulizia del microonde

Comodo, veloce, semplice da usare. Il microonde è uno degli elettrodomestici più amati per chi è sempre di fretta, ma anche per chi ama cucinare e vuole ridurre i tempi.

Utilizzato per riscaldare il pranzo, scongelare cibi, sciogliere cioccolato o burro, scaldare una tazza di the, e a volte anche per cucinare cibi pronti appositi per questo tipo di forno.
E sporcarsi è un attimo, quando l’utilizzo è frequente.

Come pulire un forno a microonde?

Microwave, door open

Pulire questo tipo di forno è molto semplice.

Riempire di acqua un contenitore idoneo alla cottura in microonde, inserirla nel forno e portare a ebollizione.

In questo modo, il vapore ammorbidirà lo sporco attaccato alle pareti del microonde.

Prima di riaprire lo sportello, aspettate un attimo che l’acqua si sia raffreddata.

Passate poi una spugnetta umida per completare la pulizia del forno, utilizzando anche dell’aceto se volete rimuovere eventuali cattivi odori.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Idee per la cena
naked_butlers_with_a_hen_party_bristol_2013

Helpling. Prenota le tue pulizie di casa
home-1398421339ngs

Come eliminare le macchie d’olio I rimedi per rimuovere le macchie dai capi senza rovinarli

La cucina mediterranea è caratterizzata dall’utilizzo dell’olio di oliva sia come condimento che per cucinare. Facile quindi che ci si macchi inavvertitamente.

Ol.-Oil---Pomp-Blog

Diverse sono le soluzioni per eliminare le macchie di olio:

Se il tessuto è lavabile:
Strofinate del sapone di Marsiglia prima di procedere al lavaggio del capo.
Oppure, ricoprite la macchia con del borotalco, e procedete poi a spazzolarlo, dopo averlo lasciato in posa per almeno 1 ora.

Se il tessuto non è lavabile:
Appoggiate una carta assorbente sulla macchia il prima possibile.

 

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

photo by:

Come sturare lo scarico del lavandino Scarico otturato? Ecco come intervenire

Avanzi di cibo, capelli, residui di sapone, e a lungo andare lo scarico dei lavandini si intasa.
Come rimediare senza dover utilizzare prodotti aggressivi che rilascino fumi nocivi?
La soluzione si trova nella vostra cucina: sale grosso, bicarbonato di sodio e acqua bollente!

jans umzug

Procedete nel modo seguente: in una pentola, portate a ebollizione dell’acqua. Una volta calda, versate nello scarico del lavandino 4 cucchiai di sale grosso, 4 cucchiai di bicarbonato di sodio, e subito dopo versatevi l’acqua bollente.
Lo scarico si sturerà.
Questa soluzione funziona anche per il wc.

In alternativa, ponete del bicarbonato sullo e nello scarico da sturare. Subito dopo, versatevi dell’aceto bianco.

Infine, un ultimo rimedio alternativo: versate nello scarico della Coca Cola! Provare per credere!

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Come pulire i fornelli Come effettuare la pulizia dei fornelli della cucina

Che ci piaccia o no, e nonostante si presti attenzione, mentre si cucina è inevitabile sporcare i fornelli!
E dopo una buona cenetta, ecco che si passa alla parte meno entusiasmante: ripulire il tutto.

Ecco come pulire i fornelli in modo ottimale e senza troppa fatica:

IMG_0288

Una prima buona regola è quella di evitare che le macchie rimangano depositate a lungo. Non farebbe che renderne più difficile la rimozione e si rischia di lasciare aloni.
Vietato quindi rimandare l’operazione al giorno dopo!

Le parti smontabili possono essere lavate in lavastoviglie (a meno che non venga diversamente indicato sul libretto istruzioni, rischiereste di rovinarle), oppure a mano, come fossero pentole.
Per eliminare le parti più incrostate, utilizzate prima acqua calda per ammorbidirle.
Infine, per le macchie più difficili, lasciate a bagno in acqua molto calda e aceto, oppure strofinate con una paglietta saponata o con mezzo limone.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

POS design presenta i suoi Piccoli Oggetti Speciali
_MG_1322-d585cc24e8

photo by:

Come pulire il lavello della cucina La pulizia più efficace per il lavello della cucina

Aloni, opacità, macchie d’acqua; come fare a eliminarle e fare in modo di pulire al meglio il proprio lavello della cucina?

Innanzitutto bisogna fare una distinzione a seconda del materiale di cui è fatto:

Down the sink

  • Se il vostro lavello è in acciaio inossidabile: lavatelo con detersivo al limone e acqua tiepida. Asciugatelo subito con carta di giornale o con un panno morbido.
    Non usate spugnette abrasive, potrebbero graffiarlo.
    Eventuali macchie di calcare o ruggine possono essere rimosse strofinando mezzo limone direttamente sulla superficie.
    Anche in questo caso, procedere poi a sciacquare e asciugare.
  • Se il vostro lavello è smaltato: eventuali punti ingialliti possono essere puliti strofinando mezzo limone.
    Lasciate agire per qualche minuto e poi sciacquate e asciugate.
    Per fare in modo che rimanga sempre bianco, utilizzate una spugnetta morbida imbevuta di acqua e candeggina, risciacquando subito dopo.
  • Se il vostro lavello è in fragranite: in questo caso è possibile utilizzare il semplice sapone per i piatti o per lavastoviglie con acqua calda, passare con una spugnetta morbida e sciacquare.

In tutti i casi, non dimenticate i rubinetti: per la loro pulizia è possibile utilizzare del succo di limone e aiutarsi con uno spazzolino morbido per i punti più difficili.

LEGGI ALTRO DELLA SEZIONE GESTIONE DELLA CASA

Potrebbe interessarti anche:

Helpling. Prenota on-line le tue pulizie di casa
home-1398421339ngs

photo by:

Barare sui lavori domestici Quando si parte con tante buone intenzioni e poi...

Appena iniziata la convivenza, pulire casa, lavare, cucinare, … tutto sembra bellissimo.
Poi, pian piano… si inizia a barare sempre di più.

Facciamo un esempio.
Cucinare. All’inizio si organizza la cena del giorno dopo già dal giorno prima.  
Ricordo che tiravo fuori la carne dal freezer in modo che avesse tutto il giorno per scongelarsi, preparavo un dolcetto fatto con le mie mani, cercavo ricette su internet.
Adesso: torno da lavoro stravolta e la sera stessa penso cosa fare. Tipo: pizza surgelata, gnocchetti che in due minuti sono pronti, due uova in padella. E se non ho tirato fuori la carne dal freezer, la scongelo in microonde.

cleaning-268134_960_720

Stirare. All’inizio stiravo tutto: calzini, mutande, asciugamani, lenzuola.
Adesso tutto ciò che non si vede (biancheria, pigiami, eccetera) vengono ritirati così come sono. Le lenzuola vengono rimesse direttamente nel letto. Magliette e maglioni vengono tirati e piegati. E alla fine rimangono giusto qualche paio di pantaloni e tre magliette a cui dare giusto una passata di ferro.

Le pulizie. All’inizio passavo bene lo straccio della polvere ovunque, a volte spruzzavo pure quel prodotto antipolvere che tanto non ha mai funzionato.
Adesso, quando passo l’aspirapolvere, gli stacco la spazzola tenendo solo il tubo e lo passo anche sui mobili, sui caloriferi, sulle tende, ovunque.
Amo il mio aspirapolvere.
Tranne quella volta che presa dall’entusiasmo di passarlo sul comodino mi ha risucchiato il braccialettino di Tiffany che mi aveva regalato il mio fidanzato.

cleaning-268107_960_720

Ho avuto un attimo di panico.
Mi ci è voluto qualche secondo per realizzare e spegnere l’aspirapolvere.
Avevo anche appena cambiato il sacchetto, e mi scocciava doverlo tagliare e buttare.
Allora ho iniziato un attento esame attraverso la sua apertura, e una volta individuato, mi sono munita di pinzetta delle sopracciglia (poi accuratamente disinfettata) e ho iniziato una operazione chirurgica di recupero braccialetto.

Non passerò mai più l’aspirapolvere sui mobili, mai più, lo giuro.
Riprenderò lo spray elimina polvere anche se non funziona e userò per sempre solo quello, lo giuro.

Il mio fidanzato non era ancora rientrato da lavoro e speravo non fosse già sulla via del ritorno.
Alla fine ce l’ho fatta.
E ho continuato a usare l’aspirapolvere per pulire i mobili.
Ma tenendolo lontano dalle cose di valore.

Dopo quell’episodio le uniche cose che mi ha risucchiato sono state una penna bic e una calza del mio fidanzato.