Mascherine “invisibili” per un sorriso perfetto L'alternativa all'apparecchio, che c'è ma non si vede

Da qualche anno i classici apparecchi antiestetici per raddrizzare i denti sono stati soppiantati da delle mascherine quasi invisibili.
I costi sono un po’ più elevati, ma i risultati ottimali. E soprattutto, l’apparecchio non si vede. O quasi.
Perfetto in particolare per gli adulti, che si vergognano a farsi vedere con in bocca fili e placchette come un adolescente.

481809461_1280x853

Le mascherine vengono proposte dal proprio dentista ed odontoiatra, sempre dopo visita specialistica che valuti la situazione da andare a sistemare. Viene fatto uno stampo della dentatura, sia superiore che inferiore, e vengono realizzate delle mascherine ad hoc, di diverso numero in base al ritocco da effettuare.

In linea generale, si parte dai 150 euro a singola mascherina, che dura tra le due settimane e il mese. Dopo di che, dopo visita dal dentista, si valuta il passaggio alla mascherina successiva.

Le mascherine vanno indossate più ore possibile durante la giornata. L’ideale sarebbe rimuoverle giusto il tempo di mangiare e lavarsi i denti.

Una volta terminato il ciclo e raggiunto il risultato finale, è utile procedere a una “cementificazione” dei denti per evitare che tornino a spostarsi.
Questa consiste nell’applicazione di vetroresina trasparente sul retro della dentatura. L’unico effetto negativo sarà il fatto di non potersi passare il filo interdentale tra i denti interessati.

4159721353_4009792a92_b

In alternativa, si può optare per un apparecchio da portare solo alla notte.

Il mio parere personale: io le ho utilizzate qualche anno fa per raddrizzare gli incisivi superiori. Non ho utilizzato il marchio più famoso di mascherine, ma uno più economico. Ho fatto un ciclo di tre mascherine per un totale di tre mesi e mezzo. Poi ho fatto la cementificazione.
Da 6 anni non ho più avuto problemi di denti storti e anzi ricevo complimenti per il mio sorriso.
Esperienza quindi più che positiva. Vale la pena soffrire un po’ il fastidio delle mascherine, la scomodità di doverle togliere per mangiare, e la salivazione aumentata. Tutte cose passeggere che ti porteranno a essere soddisfatta del risultato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *