La migliore asciugatrice Quale prendere, perché prenderla. Consigli per l’acquisto dell’asciugatrice

I migliori alleati in casa sono indubbiamente loro: la lavastoviglie e l’asciugatrice.
Inizialmente indecisa sull’acquisto, non me ne sono assolutamente pentita. Anzi, la amo.

Quando inizia l’autunno e cambia il clima, far asciugare i panni diventa complicato.
Stenderli all’aperto è impossibile, ma dall’altro lato stenderli in casa fa male alla salute e riempie la stanza e i muri di umidità.
Se non si dispone di locale caldaia o adibito a lavanderia, il rimedio è lei: l’asciugatrice.

clothespins-9272_960_720

Se lo spazio è poco, basta impilarla sulla lavatrice, frapponendo fra le due il supporto dedicato. Alcuni hanno anche un pratico “tavolino” a scomparsa.

Come scegliere l’asciugatrice:

Innanzitutto, sconsiglio le soluzioni combinate. La lavasciuga probabilmente non fa bene né l’una né l’altra cosa. Prendete quindi due elettrodomestici separati.
La capacità dell’asciugatrice deve essere pari a quella della vostra lavatrice, e le dimensioni simili, idonee a essere impilate (se le dovrete installare una sull’altra).
Ovviamente, la lavatrice che è pesante sta sotto, l’asciugatrice più leggera sopra.

Consiglio di spendere qualcosa in più, ma acquistare un’asciugatrice almeno di classe energetica A+. Si tratta infatti di un elettrodomestico che sì, si fa amare, ma che può diventare molto salato sulla bolletta.
Meglio quindi non risparmiare in fase di acquisto, per risparmiare molto di più dopo.

laundromat-708176_960_720

Se ne avete la possibilità, collegate lo scarico dell’asciugatrice direttamente al tubo di scarico del vostro bagno. Diversamente, la maggior parte delle asciugatrici hanno un comodo cassetto raccogli acqua da svuotare a fine di ogni ciclo.

Come utilizzare l’asciugatrice:
Dopo il lavaggio in lavatrice, spostare direttamente i capi in asciugatrice, ponendo attenzione a:
– capi particolarmente delicati, dove indicato espressamente di non utilizzare l’asciugatrice
– vietati reggiseni (i gancetti rischiano di bucare gli altri capi)
chiudere tutti i bottoni e cerniere e girare i capi che li presentano al rovescio
– non inserire capi “infiammabili” in fibre sintetiche o simili
– altri accorgimenti presenti sul libretto di istruzioni, in base al modello di asciugatrice acquistato.

Selezionare il programma più idoneo e il livello di asciugatura desiderato.
Esempi di programmi: cotone, delicato, jeans, lenzuola, …
Esempi di livello di asciugatura: secco, intermedio, stiro facile, …

Premere start e aspettare i tempi di asciugatura (mediamente un paio d’ore).

clothes-166848_960_720

Rimuovere i capi appena terminato il ciclo. Questo permette di togliere i vestiti ancora tiepidi e di poterli tirare e piegare senza stirarli.
Se lasciati all’interno più a lungo, tendono a prendere le pieghe e andranno stirati.

Rimuovere l’accumulo di pelucchi alla base del cestello e vuotare il cassetto con l’acqua.

I vostri capi saranno asciutti, pronti per l’armadio o per essere indossati. E perfettamente igienizzati.

Molte asciugatrici hanno inoltre il programma “aria calda”, utile per ravvivare un capo senza lavarlo. In genere può essere utilizzato anche per i pupazzi dei bambini.

Il mio acquisto: asciugatrice Miele. La consiglio. Il marchio è di qualità, costa poco di più di altre marche e ha consumi molto ridotti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *