Inconvenienti da matrimonio dell’ultimo minuto Ebbene sì, inutile negarlo... ci saranno anche questi! Ma niente panico

Qual è il terrore di ogni sposa che sta organizzando il suo matrimonio? Che avvengano i famosi inconvenienti dell’ultimo minuto!

Beh, non c’è matrimonio che non abbia avuto almeno un piccolo inconveniente. Ma tranquilla, tutto si è sempre risolto.

Wedding_plan

Parlando di me, ad esempio, ne ho avuti due. E anche belli grossi.
Per l’esattezza, due giorni prima di sposarmi non avevo più il prete.

E il giorno che dovevo partire per il viaggio di nozze sono stata respinta al gate durante l’imbarco perché il mio passaporto non era a norma per l’ingresso negli Stati Uniti.
Approfitto quindi per ringraziare ufficialmente e pubblicamente il prete della città in cui mi sono trasferita, che si è reso disponibile a sposarci nella chiesa del mio vecchio comune di residenza con un giorno e mezzo di preavviso; e la questura di Fiumicino, che ha fatto miracoli e in mezza giornata mi ha emesso un nuovo passaporto.

Ma quali sono gli inconvenienti che ogni sposa teme di più?

  • L’abito. Che non sia pronto, che ci stia stretto (o largo), che all’ultima prova non ci piaccia più.
    Ho avuto un’amica che lo ha strappato cercando di camminare in “retromarcia”. E un’altra che si è ritrovata una coppetta del seno sotto l’ascella.
    Tranquilla. Mantieni la calma e respira.
    Le sarte di abiti da sposa sono abituate a qualsiasi genere di situazione. Probabilmente, sono più agitate loro di te. Eppure, una soluzione la trovano. Sempre.
    Tutto si può sistemare e l’abito ti cadrà alla perfezione.
  • Il tempo. Nessuna si augura che piova, ovviamente. E odia con tutta se stessa la frase “Sposa bagnata, sposa fortunata”. Che si sa, si dice solo per tirare su il morale. E non funziona neanche, se per quello.
    E se Ted di “How I met your mother” si mette a ballare la danza della pioggia per evitare che la sua Robin parta per un week-end con un altro uomo, riuscendo alla fine a far piovere… ogni sposa una settimana prima del gran giorno inizia a fare la danza del sole.
    Controllando tutti i siti di previsioni meteo.

    Alla fine, o si decide di sposarsi in inverno, così non ci si fa illusioni, oppure si inizia ad attuare una miriade di gesti scaramantici, soprattutto di questi ultimi tempi che neanche al 15 di agosto puoi star certa che ci sarà il sole.

    È bene quindi prevedere un ombrello e una location che abbia degli spazi al coperto adeguati. Che se c’è l’ombrello, sicuramente non piove (speriamo).

    Se sei amante del caldo, scegli di conseguenza la meta del viaggio di nozze. Così che, mal che vada, almeno ti potrai rifare nei giorni successivi.

Unidentified couple on their wedding day

  • Gente indesiderata che viene a vederti alla cerimonia e gente che avevi invitato a cui tenevi, che all’ultimo non si sente bene e non riesce più a venire.
  • Il ristorante che non è pronto con gli allestimenti al vostro arrivo. Il servizio troppo lungo e non impeccabile.
  • Il nome degli sposi sbagliato sulla torta (ebbene sì, a dei miei amici è capitato anche questo).
  • Il pensiero di avere dimenticato qualcosa.
  • La parrucchiera che non sta bene. Qualcuno che si è dimenticato che il giorno era oggi. L’organista che arriva in ritardo.

    Le penserai tutte.

    E probabilmente l’agitazione potrà farti fare qualche gaffe. Ma sarà un giorno bellissimo e, qualsiasi cosa dovesse succedere, la ricorderai sorridendo.
    Andrà tutto bene. 

E a te, che inconvenienti dell’ultimo minuto sono capitati?

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *