Il potere della gatta morta Consigli per neutralizzarla

Chi non ne ha incontrata almeno una nella sua vita?
La gatta morta è un animale in evoluzione e costante crescita, popola le città e gli ambienti di lavoro, le piace stare al centro dell’attenzione, oltre che essere adulata e viziata. Soprattutto, le piace sentirsi una regina. Indiscussa.

cat-33405_640

 

Generalmente non è bellissima, ma ha atteggiamenti melensi, che sanno ipnotizzare più di Giucas Casella.

Ride per qualsiasi battuta o presunta tale, magari poggiando le sue zampette sulle spalle dell’umorista di turno, e dicendogli “che sciocchino!”.
Talvolta cammina a testa alta, fiera e sicura di sé, con fare da super manager in carriera.

Altre volte invece sembra una gattina ferita, le spalle incurvate, il viso triste in un’espressione da chi sta per mettersi a piangere.
E a volte, si mette anche a piangere, cercando consolazione e compassione dal suo interlocutore.
Un “poverina”, che la farà balzare ancora più avanti nella classifica delle gatte morte.

Inutile dire che la maggior parte delle volte l’atteggiamento da regina lo tiene con le altre donne, mentre quello da cucciola indifesa da proteggere lo tiene con gli uomini.
A cui racconta le peggiori disgrazie che possono capitare nella vita di una persona e che a lei, ovviamente, sono capitate tutte. E per questo ha bisogno di affetto e comprensione.

Se anche voi avete una gatta morta nella vostra vita, e volete liberarvene, ecco come proteggersi.

4889073385_909029835e

 

1- Siate più gatte morte di lei.
Da oggi avrete una nuova musa ispiratrice: la vostra rivale.
E come dice il proverbio, cercate di essere allieve che superano il loro maestro. Siate più gatte morte di lei, e rubatele la corona! Come in un alveare in cui c’è spazio per una sola ape regina.
Questa risulta comunque una tecnica che può rivelarsi pericolosa, perché lei ce l’ha nel sangue, l’essere gatta morta, mentre voi magari ne avete proprio il rifiuto. E a un certo punto questa cosa vien fuori.

2- Ignoratela completamente.
Non si sa perché, la gatta morta fa carriera, nonostante alle spalle tutti dicano di odiarla.
Allora non fate neanche quello. Non odiatela. Semplicemente, ignoratela.
Fatevi i fatti vostri e non datele l’importanza che cerca.
Se vi parla, fate pure finta di non sentirla e continuate imperterrite nella vostra attività come se non fosse neanche lì.
In questo modo evitate di entrare in paragone con lei, e mantenete la vostra integrità e la vostra persona come ‘unica’, da valutare a parte.

Infine, a Natale regalatele una confezione di croccantini. O una lettiera, a scelta. 

 

Leggi altro della sezione COSA C’E’ IN GIRO

Potrebbe interessarti anche:

Top 10 dei peggiori automobilisti
Retro Classics meets Barock 2010 in Ludwigsburg - Impressionen

 

photo by:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *