Come arredare casa

Quando si compra casa per la prima volta, piuttosto che si va in affitto in un appartamento non arredato, una delle prime domande riguarda loro: i mobili.

Come scegliere i mobili, come disporli, dove comprarli, quanto è giusto spendere?

Prima regola: niente panico.
In genere, quando si inizia a cercare casa e si visitano i vari appartamenti, chi ce li mostra suggerisce già come disporre l’arredamento, per aiutare a visualizzare già il “prodotto finito” e convincere all’acquisto / affitto.

Apartment Camping

Su internet si trovano inoltre diversi programmi gratuiti da scaricare per divertirsi ad arredare in poche mosse le varie stanze della propria dimora. Un esempio molto valido è SweetHome3D, che permette anche una visione tridimensionale, per una migliore idea degli spazi.

Quando ti rechi per i vari negozi di arredamento, ricordati di portare sempre con te la piantina o almeno le misure delle varie stanze, così che il personale possa farti qualche proposta, comprensiva di disegno ad hoc, in base alle tue esigenze.

Una buona regola da seguire è quella di decidere prima lo stile da dare alla propria casa: classico, moderno, contemporaneo. O ancora: sul bianco e nero, con un colore dominante, con vari colori, color legno naturale.

Decidi il budget in base alla tua idea di stabilità in quella casa. Se è una soluzione provvisoria, meglio non investire troppo. Se invece è definitiva, meglio arredarla un po’ per volta ma spendendo qualcosa in più.
La stanza che richiede più investimento in questo caso è la cucina. Meglio non risparmiare in questo locale, infatti, in quanto si tratta di un vero e proprio ambiente di lavoro: ogni giorno verrà utilizzato, tagliando, cucinando, lavando, pulendo, facendo inavvertitamente cadere delle cose, schizzando oli e condimenti sulle piastrelle, eccetera.
E’ bene quindi che i materiali siano idonei, gli elettrodomestici di buona qualità.

Ecco qualche esempio ottimo per gli elettrodomestici: frigorifero, forno, microonde, lavastoviglie.

Il locale che costa di meno è in genere il bagno, anche per il fatto di essere il più piccolo, e perché di solito è sufficiente un mobiletto. Attenzione però alle ceramiche. Fate in modo che siano di qualità, per evitare che ingialliscano col tempo.

La camera da letto deve essere pensata in modo che trasmetta relax e pace. No quindi a colori troppo accesi, che non stimolano il sonno. Questa stanza è il vostro angolo intimo, ed è giusto che parli di voi. Non dimenticate di mettere qualche foto vostra e dei vostri amati.

Il soggiorno è in genere l’ultima sala che si arreda, in quanto per avere la residenza non è necessario che ci sia (per la residenza ci devono essere cucina, bagno e camera da letto).
Pensala come luogo di compagnia, dove poter accogliere i tuoi ospiti.

Una volta che avrai il mobilio, passa poi alle tende, lampadari e tutti i complementi d’arredo. Fai in modo che la tua casa parli di te. E’ il tuo regno, il tuo nido dove rintanarti alla fine di una giornata di lavoro; quel luogo dove quando entrerai ogni giorno ti farà sentire al sicuro e in pace. Dovrai, in una parola, sentirti a casa!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *